Energia eolica: la forza del vento

Produrre energia dal vento è incredibilmente semplice, utilizzando un generatore standard con un cappio di fili magneti come un motore elettrico. Le turbine eoliche per la casa non sono così frequenti nelle zone urbane, tuttavia si valuta che non meno di 2 su 5 abitazioni urbane hanno le condizioni necessarie per rendere la loro casa adatta ad un sistema eolico.

Il sistema eolico permette di risparmiare molta energia utilizzando l’energia del vento, quindi risparmi ma produci anche energia per la tua casa. Sicuramente se abiti in una zona con molto vento, sarai facilitato, altrimenti puoi aiutarti con dei sistemi di adattamento apposta per il tuo ambiente circostante. Certo ricorda che è sempre meglio prevenire che curare, quindi informati sulle diverse tipologie di risparmio eolico. l’avanzamento delle batterie estese (prevalentemente per l’auto elettrica) è in piena attività.

Le batterie a ciclo profondo si stanno trasformando in una scelta innegabilmente idonea ad offrire potenza sovrabbondanza ancora una volta alla matrice, come nuovi mercati e innovazioni meccaniche, che abbattono i costi, più batterie possono anche essere acquistate gratuitamente da fonti specifiche. Tempo di ritorno sulle spese di un tale quadro potrebbe essere sostanzialmente diminuita in contrasto con quella di una struttura di rete più lussuosa.

I sistemi eolici non sono tutti uguali, e quindi necessario da parte tua una ricerca approfondita e nel caso no. Sei non ancora sicuro chiedi aiuto ad un esperto o alla moltitudine di aziende esperte nel settore.

L’energia del vento…

La tipologia di risparmio energetico eolico e relativamente nuova, ma ovviamente la tecnologia va avanti, quindi anche e soprattutto rispetto a dove ti trovi, e a come è il tuo ambiente circostante, puoi trovare il sistema a risparmio adatto alle tue esigenze. Io, ho sempre amato il vento e come qualsiasi altra forma di energia naturale, sole, acqua fuoco, ho scoperto che è anche possibile creare energia eolica, insomma si tratta davvero di una soluzione davvero vantaggiosa.

Infine, considera sempre l’impatto ambientale, tutto quello che facciamo inquina, troppe cose, e se puoi evitare di inquinare semplicemente adottando metodi che alla fine fanno risparmiare ancora te, non vedo perché non stai già cominciando a cercare la soluzione migliore per la tua casa! Sono davvero sicura che ti sorprenderai per la moltitudine di sistemi per tutti gli ambienti, anche se abiti in un grattacielo, esiste sempre un modo per risparmiare energia!

Come ascoltare al meglio la musica a casa propria?

Lasciate che io ve lo dica, se vi fidate, dato che in fondo questo è una delle modalità particolare in cui io stesso amo trascorrere il mio tempo. Torno a casa dal mio ufficio o anche e invece dalla aula della mia università, mi metto addosso il mio bel pigiama leggero o pesante che sia, in base alla stagione sia ben chiaro, e mi infilo bella bella sotto le mie calde coperte. Non è che sia una cosa che faccio di solito e ogni sera eh, è ovvio, ma è una delle attività a cui mi piace dedicare il mio tempo quando ho solo voglia di starmene un po’ sdraiata perché magari ho un po’ di spossatezza, e non ho voglia o non devo uscire con la mia compagnia.

Dunque, comoda comoda e nel massimo del mio relax, accendo il mio bellissimo stereo che ho in stanza, e che è collegato via wireless alle mie nuove casse acustiche e seleziono le mie canzoni preferite: ah, devo dirvi che io non uso quegli scomodi metodi di alzarmi e avviare le canzoni, ma ho preso un bel telecomando a distanza per lo stereo. Così evito il brutto fastidio di dovermi alzare di volta in volta e me ne sto calma quando sono sdraiata. Beh, eccomi lì sdraiata con la musica che fluisce per la stanza.

Sdraiata così nel mio bel letto, ascolto la mia musica preferita e mi perdo bella bella nei miei pensieri. Non so voi, infatti, ma su di me la musica ha un effetto davvero ma davvero calmante e rilassante, e che è quello di aiutarmi a distrarmi dal mondo, in quanto che mi permette di pensare a tutto ciò che di bello ho vissuto durante la giornata, oppure di svagarmi in qualche fantasia che mi invento sul momento, o a cui ho pensato durante la giornata.

Il relax del letto e la energia della musica

Così funziona sì insomma, o almeno per quanto riguarda me. Le persone che hanno tanta ma tanta inventiva possono trovare nella musica non solo un divertimento, ma anche un buon modo per aprire la mente e cercare nuove idee e nuove ispirazioni. Voi avete mai provato ad ascoltare la musica e a perdervi e a lasciar vagare la mente nelle vaste praterie della vostra fantasia? Provateci per bene, e fatemi sapere cosa ve ne esce!

La dura vita dei registratori vocali in università

Insomma, prova un po’ a pensare a quanto sia dura la vita dello studente sbobinatore: è ben difficile, eh, visto che si deve registrare ogni cosa la voce del professore, e poi ci si deve mettere a trascrivere ogni singola parola su un file di testo, e questo magari anche e pure reinterpretando le sue parole, a partire da una continua necessità di premere play, poi premere pausa, quindi scrivere e scrivere e poi di nuovo premere play e poi ancora premere pausa e così via. Insomma, un bel casino!

Ecco allora che vi è una grande difficoltà, ma soprattutto io vi dico che la cosa è soprattutto noiosa: se solo il registratore vocale fosse in grado di trascrivere in diretta quanto esso registra, beh, saremmo tutti molto più contenti e vivremmo con molta ma molta più tranquillità. E pensate a quale possa essere la grande situazione e la immensa sensazione di relax di avere le sbobine senza la minima fatica: e questo perché molto spesso i nostri compagni di università non ci danno mica le loro sbobine gratis.

Spesso infatti le altre persone ci chiedono molti ma molti soldi per avere una sbobinatura completa, anche a volte io ho sentito addirittura fino a 50 o 60 euro per ogni sbobina completa! A dir poco robe da matti, a mio modesto parere: quello che bisogna fare, allora, secondo me, è trovarsi un gran bel registratore vocale, e poi accostare a questo un bel software di dettatura che faccia tutto il lavoro di sbobinatura al posto nostro. Cosa ne dite? Non vi pare qualcosa di a dir poco utile e opportuno?

Sbobinare: che gran fastidio e che gran noia!

Io penso allora che chiunque possa essere molto interessato a procedere in questo senso a completare ogni cosa, e dunque anche e pure a fare in sé e per sé ogni opera di lavoro e di trascrizione, e di e a completare ogni singola cosa e ogni buona e concreta realtà di lezione e o di seminario e così via. Vi è, io so, anche chi si mette a registrare e poi sbobinare le interrogazioni di esame delle altre persone, in modo da sapere le domande e da sapere in che modo poi loro vogliono e sanno come procedere a rispondere al professore o ai suoi assistenti invece quando ci si trova in sede di esame.

Una scopa elettrica o una scopa a vapore in regalo?

Ci sono quei momenti in cui ci si trova a dover fare un regalo a qualcuno e non si sa bene cosa prendere, anche e in specie quando non si sa bene cosa si possa far da piacere a qualcuno che vi abbia chiesto qualche cosa per la casa. E allora io ho pensato a una scopa che sia innovativa e comoda da usare anche per tempi prolungati visto quanto questa persona è maniaca del pulito. E mi sono trovato davanti a questa brutta e difficile scelta tra scopa elettrica e o scopa a vapore.

Ma a questo punto e allora io mi sono chiesto quale scegliere tra i due e ho cercato qualche consiglio sulla rete. E sapete qui che cosa io ho ben trovato? Beh, dei siti che non solo mi danno dei consigli, ma anche e pure mi dicono dove comprare a prezzo basso  e il tutto e pure con sconti e promozioni e le riduzioni sui prezzi e così via. Una vera e propria gioia per i miei occhi e per il mio portafogli e anche e pure per il mio buon conto in banca, che così si vedrà risparmiare non pochi bei soldini.

E qui io mi chiedo allora se pure voi vi siate mai trovati qui e a questo punto a dover avere a che fare con tante ma tante altre cose e problemi e magari pure con riguardo a tale problema di scelta tra scopa elettrica e o scopa lavapavimenti a vapore, che per quanto forse e in specie a voi possa sembrare una scelta facile e magari e pure quasi stupida, per me è stato un vero e gran proprio tormento. Del tutto, e sono io qui ben sincero se ve lo dico eh!

I dubbi sciolti dagli sconti

E poi vi trovate di fronte a una vasta scelta di sconti e promozioni e vedrete che ogni dubbio possibile vi passerà e scomparirà come se proprio non fosse mai nemmeno esistito del tutto nella vostra mente e nei vostri occhi e pure e anche e forse in specie nel vostro portafogli. E questo sia poi anche e pure ben chiaro nel senso di dare un nuovo valore a chi dà e offre servizi come questi che sono tanto ma tanto utili a tutti. E questo sia ben chiaro non solo nel mondo delle scope.

Una piastra per capelli che li rende anche più belli?

Esistono certe piastre per capelli che hanno così tante funzioni da far venire il mal di testa! Io ho provato a farlo andare in ogni sua funzione, ma, e che sia ben ovvio, non sono ancora riuscito a provare ognuna delle sue funzioni, e sapete il perché: beh, è ben semplice, in realtà, perché questa mia nuova piastra per capelli ha per davvero una marea di vantaggi! E io credo che prima che potrò esaminarle per davvero tutte ci vorranno mesi e mesi di serate in discoteca o di uscite di gala, sapete? Voi cosa ne pensate, vi piacerebbe ricevere in regalo o comprare una piastra capelli multifunzione?

Ma anche a questo punto della mia analisi, vi parrà evidente verso cosa si indirizzi la mia preferenza, ossia verso una valutazione in sé e per sé di quelle che sono le potenzialità celate di un oggetto che ha in sé così tante funzioni e non solo, ma che anche sia facile da usare e pratico da usare e magari pure e anche poco voluminoso e bello da vedere, insomma con una buona estetica. E va bene, siamo e sono forse un po’ pretenzioso, ma non mi pare che sia un reato fare sogni, e dunque sogno e sogno ancora: volete voi fantasticare con me, miei cari lettori?

Da questo punto di vista io penso che anche voi potreste cominciare a valutare e a prendere in attenta valutazione la sua possibilità di essere inserita senza troppa difficoltà ma anzi e invece con facilità in una valigia, in quanto in pieno utile e opportuna anche ai fini del contenimento dei costi e del risparmio di spazio, di tempo, di soldi e di tutto quanto a ciò consegua, dopotutto. Insomma, se per voi va bene, ragionare in questo modo può essere molto utile.

La mia nuova piastra mi rende più bella

E in effetti io penso che bisogna anche cominciare a pensare e ad avere un occhio di riguardo a tutta quella conseguenza che determina sulla bellezza dei miei capelli, sia in estetica che in valore proprio, dato che questa io penso e ritengo e anche e però spero è la profondità tecnologica del futuro, che permetterà un parsimonia tanto in fase di generazione quanto poi e anche in fase di consegna e di consumo o di compera che sia o che dir si voglia.

Paura di un alluce valgo?

Si può ben capire che una persona si possa trovare un po’ spaventata e o spiazzata di fronte a un problema medico che possa sopravvenire e quale dunque e pure può essere proprio questo, ossia quello di un alluce valgo. Al contempo bisogna però sapere per bene che vi sono e sono molte le diverse possibilità di giungere a curare questa patologia, per tornare dunque e pure a una nuova situazione di normalità, grazie a un aiuto e a un supporto che venga da un medico.

Ciò che importa e rileva qui in questa sede e poi in specie su questo punto è secondo me la necessità di promuovere analisi combinate e tanta tranquillità sul tema tutto proprio di una calma su alluce valgo, ossia del fatto che si possa superare e si possa guarire da tale problema con un attento intervento medico e nel caso anche e pure di chirurgia che però non è poi tanto invasivo quanto si potrebbe temere. E allora da questo punto di vista vi sarebbe opportuno e necessario rivolgervi al vostro medico di fiducia.

Da questo punto di vista infatti il medico non è solo e soltanto la persona più competente per individuare con voi una buona terapia per superare e o affrontare il problema, ma è anche tanto competente per aiutarvi a sconfiggere una semplice e mera paura laddove invece non vi fosse in alcun modo e alcuna altra rischiosità dal punto di vista di una più o meno effettiva insorgenza di tale patologia di alluce valgo rispetto invece a quanto voi pensate.

Il consiglio e il parere del medico

E invece appunto sentire qui sul punto le parole del medico su quelle che sono o possono essere le vostre e stesse preoccupazioni può essere fondamentale per e ai fini di raggiungere una propria tranquillità e in specie una nuova e poi anche e pure rinnovata serenità. Senza questa si rischia di vivere male tutta la situazione e dunque e poi e pure di rovinarsi in pratica la propria vita anche e pure in presenza magari di una patologia di scarsa rilevanza o rischiosità.

Ma allora voi come pensereste di comportarvi in questo caso? Di per certo bisogna promuovere una analisi dei sintomi da parte del solo medico curante il quale può rilevare se il problema c’è per davvero o se invece vi sembra solo che ci sia, ma invece manchi.

Attenzione alla economia!

A volte capita che se ne parli come se fosse un mostro lontano, strano e non compreso, che altro non fa se non rovinare il mondo con tutte le sue proprie manie e le sue basse intenzioni; altre volte invece viene vista come una ancora di salvezza per le persone, per i Paesi, per le società, per le associazioni, per tutti i gruppi e per tutti i singoli. Insomma, come credo sia evidente la economia assume molti volti e molti nomi, in base al suo compito precipuo nel singolo caso concreto.

E diviene dunque quanto mai complesso cercare qui di giungere a una definizione unitaria di tale fenomeno. Men che meno sarà facile cercare di individuare e capire come questa economia possa farsi, da un alto, ecocompatibile, e da un altro lato, diverso e comunque da doversi abbinare, pure equa. Mi pare che sia chiaro come un obiettivo di tal fatta sia quanto mai complesso, lontano e avveniristico: eppure, non possiamo permetterci qui, noi che siamo più giovani e che dobbiamo guardare al futuro, di dimenticare o di ignorare tale potenziale tendenza.

Uno degli obiettivi del nostro magazine, infatti e dunque, è proprio quello di sensibilizzare il pubblico verso un tema tanto delicato e tanto poco affrontato nelle grandi discussioni, che sono di per forza e senza ombra di dubbio di fronte alle urgenze di oggi, sormontate e superate e dimenticate a fronte di temi di maggiore urgenza, di maggior pressione e di maggior vicinanza. Per quanto ci riguarda, però, questo non deve costituire una scusa, ma anzi deve spingerci a una crescita nella attenzione.

Eco compatibilità ed equità

Quanto può essere difficile rendere tutti i nostri processi produttivi rispettosi di quello che è poi l’ambiente che ci circonda? Quanto può essere difficile rendere a impatto zero le emissioni delle nostre fabbriche? E questo è un problema che si impone tanto da un lato più tecnologico, di creazione di appositi processi che possano garantire un simile risultato, sia da un punto di vista dei costi, e del prezzo che le fabbriche dovrebbero sostenere per potersi adeguare a tale eco compatibilità potenziale.

Camminare lungo questa impervia strada non è facile, non è semplice, non è men che meno la via meno insidiosa che si possa percorrere. Si incontra la opposizione di chi non vuole investire denaro fresco in questa direzione, che potrebbe dare vantaggi economici solo nel lungo periodo. Perché vi è chi pensa più al denaro di oggi che non alla sicurezza e alla salute di domani. Ed è questo atteggiamento il primo a dover essere criticato e osteggiato da chi, come noi e come voi, si interessa a questo tema.

Non vi è alcuna possibilità di trovare poi una equità su più livelli (sociale, etica, morale, economica,…) per questa nostra economia di oggi, se non ci si muove per prima cosa nella ottica di accettare e ammettere la necessità di un sacrificio economico attuale, e anche potenziale negli anni a venire, in vista però di ottimi risultato nel periodo meno immediato.